Archivio della categoria: Prestiti

Come funzionano i prestiti cambializzati?

In un mondo in cui accedere al credito è sempre più complesso, i prestiti cambializzati stanno divenendo sempre più la forma di finanziamento prediletta per coloro che sono protestati o che non hanno le opportune garanzie da presentare agli istituti di credito.
Infatti, i prestiti cambializzati, come si legge qui, sono prestiti che hanno la peculiarità di essere rimborsati attraverso le cambiali all’istituto creditore. E quindi? In cosa consiste la particolarità? Semplicemente le cambiali sono titoli di credito sempre esigibili, quindi fungono da garanzia, e quindi permettono agli istituti bancari di prestare il credito con maggior serenità.

Dunque, e riassumendo, l’erogazione del capitale richiesto attraverso il prestito cambializzato avviene a fronte dell’apposizione della firma del soggetto beneficiario del finanziamento sulle cambiali che costituiscono la modalità di pagamento ma anche la garanzia di regolare restituzione del finanziamento. Per questo stesso motivo, il prestito cambializzato ha una tempistica di accettazione (o rifiuto) molto breve: è possibile ottenere l’intero importo richiesto in appena 24 ore.

Appare fin troppo scontato che l’istituto di credito, generalmente, cercherà di richiedere ed ottenere ulteriori garanzie: una fidejussione, un garante, un immobile, una fonte di reddito alternativa o meglio ancora una busta paga. Tuttavia, questa forma di credito rappresenta una delle poche possibilità per chi si affaccia al mondo del credito con le spalle scoperte.

Tutto oro ciò che luccica? Per niente. Abbiamo detto che questo è l’unico strumento possibile per accedere al credito che resta a tutti coloro che non hanno garanzie, o peggio ancora siano classificati come cattivi pagatori o protestati. Di conseguenza le Banche considerano questo tipo di prodotti ad alto rischio e di conseguenza il credito ha un costo più elevato per il debitore.
Insomma, se da un lato si tratta di forme di finanziamento piuttosto semplici da richiedere ed ottenere, dall’altro lato, il loro coste le pone come ultima spiaggia nel mondo del credito e dei prestiti.

Tutto sui prestiti senza busta paga

Purtroppo, in Italia, sono moltissime le persone che devono richiedere un prestito o un finanziamento. Si tratta generalmente di un’operazione finanziaria lunga e complessa, soprattutto se la cifra richiesta è superiore ai 5000 euro, ma comunque possibile.
La situazione si complica decisamente quando si affronta la richiesta di prestito in assenza di una lavoro a tempo determinato o indeterminato, infatti, chiedere un finanziamento senza busta paga è quanto di più complesso ci sia nel mondo del credito.

La soluzione più agevole e meno onerosa è senza dubbio quella di presentare delle garanzie all’istituto di credito. Tra le più considerate troviamo senza dubbio la figura del garante, cioè una terza persone che pone la propria busta paga, e quindi il proprio reddito fisso, a garanzia del nostro finanziamento. Altra garanzia benaccetta e quella data dagli immobili, anche se la crisi del settore immobiliare ha freddato gli animi di molti istituti in merito.

Ma come chiedere un prestito senza busta paga e senza garanzie? Bella domanda! Come si legge in questo post, le alternative esistono anche se hanno un costo in termini di tassi e spese varie sensibilmente più elevati.
Tra le soluzioni più percorribili troviamo senza dubbio i prestiti cambializzati e i prestiti finalizzati, oltre alle immancabili carte revolving.
I prestiti cambializzati permettono di erogare finanziamenti decisamente levati, in quanto la cambiale attraverso cui vengono rimborsati è un titolo esecutivo sempre esigibile e quindi funge da garanzia.
I prestiti finalizzati invece, difficilmente erogano somme superiori ai 3000 euro, tuttavia, hanno dalla loro parte la semplicità di richiesta e la burocrazia quasi inesistente.
Discorso diverso meritano, invece, le carte revolving che consentono di avere una linea di credito sempre disponibili ma che prevedono tempi lunghi di approvazione e spesso richiedono diverse garanzie per riceverne la titolarità. Tuttavia, una volta ottenute, queste carte consentono di avere sempre con sé una linea di credito da attivare ovunque ed in pochi secondi. Insomma una bella comodità.

Quindi tutto rose e fiori? Per niente, si tratta di forme di finanziamento che generalmente hanno un costo decisamente più elevato a parità di condizioni.

Che cosa sono i prestiti cambializzati

 

I prestiti cambializzati online sono dei particolari finanziamenti che vengono erogati da alcuni istituti di credito. Mentre in passato questo strumento era molto in voga negli ultimi anni aveva perso gran parte dell’interesse sia dei clienti che delle stesse banche.

Oggi, a seguito della crisi economica e di tutto quello che ha comportato, i prestiti cambializzati sono tornati a riscuotere un certo interesse. Oggi molte persone riescono ad accedere al credito proprio grazie all’uso di cambiali, uno strumento ancora molto importante per via delle maggiori garanzie che offre all’istituto di credito in fase di erogazione di un finanziamento.

Navigando sul web si possono trovare moltissimi siti che si occupano di offrire informazioni ai clienti interessati a richiedere un prestito cambializzato online, ossia avvalendosi di un servizio via web. Tra tutti possiamo segnalare PrestitiCambializzatiOnline, una vera e propria guida divenuta, ormai, un punto di riferimento del settore.

Come funzionano i prestiti cambializzati?

Per cattivi pagatori, protestati o semplici cittadini senza busta paga, viene spesso consigliata la via dei prestiti cambializzati. Andiamo a capire che cosa sono di preciso e se è veramente così facile ottenerli, con le relative modalità per ricevere il denaro sufficiente ai fini dei nostri investimenti.

La soluzione di cui vi stiamo parlando è una delle più comuni forme di finanziamenti personali nel 2015, che vengono concessi indipendentemente dal fine, che non andrà giustificato per determinati beni o servizi, come invece avviene nel settore dei mutui. Importante cambiamento, rispetto alle altre modalità di rimborso molto diffuse al giorno d’oggi (la cessione del quinto è sicuramente quella principale), è dato dalla presenza di cambiali pronte a fungere da garanzia per l’istituto che ha concesso l’opportunità all’individuo.

I tassi d’interesse sono generalmente più elevati nei prestiti cambializzati a confronto delle altre tipologie di microcredito, ma d’altra parte sono in molti (anche coloro che in passato sono stati individuati come “cattivi pagatori” in un qualsiasi ramo del credito) a trovare in questa modalità l’unica salvezza per poter ricevere somme di denaro comunque inferiori alle grandi cifre dei mutui, ma comunque essenziali per portare a termine svariate spese.

Prestiti cambializzati: convengono davvero?

Nel complesso possiamo dire che questa tipologia di prestito personale conviene davvero e permette di ottenere risultati davvero molto interessanti quando non si riesce ad accedere al credito con altri strumenti.

Per avere maggiori informazioni consigliamo di recarsi presso il proprio istituto di credito e chiedere maggiori informazioni sulla possibilità di ottenere un finanziamento di questo tipo oppure provare a cercare informazioni online sui portali specializzati.