Riforma fiscale: nuovo volto dell’Irpef e aumento opzionale dell’ Iva

La riforma del fisco verrà compiuta entro tre anni,e sarà subordinata al vincolo dell’ invarianza dei saldi economici e finanziari. Un’ importante punto della riforma è quello relativo all ‘ Irpef che avrà un nuovo volto, con sole tre aliquote di base del 20, 30 e 40%, che saranno finanziate dalla modifica opzionale delle aliquote Iva prendendo sempre in considerazione l’eventuale inflazione generata da un aumento e razionalizzazione delle agevolazioni fiscali. Nella riforma fiscale , poi, prende posto la progressiva abolizione dell’Irap, con eliminazione totale dalla base imponibile del costo del lavoro. E’ prevista, poi, la previsione di un’imposta sui servizi che sostituirà varie imposte, e cioé l’attuale imposta di registro, le ipotecarie e catastali, il bollo, la tassa sulle concessioni governative e quella sui contratti di borsa, l’imposta sulle assicurazioni e sugli intrattenimenti. I pilastri della struttura fiscale saranno, quindi, costituiti, da cinque grandi imposte, ossia Irpef, Ires, imposta sui servizi, Iva e Irap, in attesa della sua abolizione. La riforma fiscale contempla, poi, la revisione degli indicatori di situazione economica equivalente. Si considererà maggiormente la composizione del nucleo familiare, mentre si razionalizzeranno i parametri (compresi quelli sulla reversibilità e invalidità) per usufruire delle prestazioni assistenziali.

Comments

comments